Quando si parla di ecommerce è certamente importante pensare alla SEO, alle campagne di advertising online e ai blog tematici, ma per un negozio online ancora più fondamentale è l’ottimizzazione dei prodotti e l’import automatico grazie al catalogo CSV.

Cosa si intende per catalogo CSV?

Tra le attività di commercializzazione di beni, servizi o contenuti digitali per via elettronica il catalogo CSV gioca un ruolo fondamentale.
CSV è l’acronimo della forma estesa Comma Separated Value (“valori separati da virgola”) e in informatica rappresenta un formato di file che permette di fare un export dai dati di un database verso un file di testo o viceversa tramite import. Questo file può essere aperto con un foglio di calcolo (il più comune è Microsoft Excel) e contiene molteplici righe e colonne con dati suddivisi per tipologia con una delimitazione basata sulla virgola o altri caratteri univoci (come ad esempio “;” oppure “|”).

catalogo csv

Nel file di testo di un catalogo CSV a ogni prodotto corrisponde una riga suddivisa in colonne, dove ogni colonna indica una specifica caratteristica del prodotto/articolo. Le caratteristiche più comuni sono: nome, marca, prezzo, numero di riferimento (codice EAN), descrizione, riferimento di file multimedia, eventuali varianti (per taglia, colore, ecc.) e disponibilità.

Dopo la creazione del file CSV, il documento deve essere caricato sul CMS per permettere all’ecommerce di esporre tutti i prodotti importati correttamente agli utenti con le caratteristiche e i listini di riferimento: ecco come nascono le schede prodotto!


 

L’import/export dei prodotti ecommerce.

Chiedersi come funziona l’importazione dei prodotti sull’ecommerce (e/o l’export) è la prima cosa che un proprietario di un sito che vende online deve fare. Le possibilità sono molteplici, non c’è un’unica soluzione: potrebbe darsi che l’ecommerce parta da zero in dropshipping o con magazzino proprio, oppure che venga associato a un negozio fisico e che quindi debba relazionarsi con il gestionale dell’attività già in essere.

L’analisi del progetto è quindi necessaria per capire la soluzione migliore ma le macro-casistiche possono essere 3 per importare i prodotti nell’ecommerce: caricamento a mano tramite data entry in CMS, import nell’ecommerce tramite file CSV oppure integrazione tra software gestionale e piattaforma ecommerce.

Caricamento a mano tramite data entry in CMS.

Se l’ecommerce rivende solamente una quantità molto limitata di prodotti, lo store manager potrebbe decidere di provvedere al caricamento manuale delle informazioni con un data entry non automatizzato dei prodotti e delle relative caratteristiche. Questa è sicuramente una situazione percorribile per piccolissime realtà: l’interfaccia amministrativa del CMS di un ecommerce ovviamente lo permette, ma se si va oltre la cinquantina di prodotti, l’operazione di data entry risulta essere onerosa in termini di tempo e costi, oltre che poco efficiente e scarsamente scalabile come attività.

Import nell’ecommerce tramite file CSV.

Questo tipo di import prodotti ecommerce è ottimo per gli ecommerce con un catalogo molto vasto e con tante categorie. Come già descritto, il formato CSV è il più comune per il trasferimento di dati in entrata o in uscita per un sistema.
I prodotti del catalogo CSV esportati nel file di testo possono essere arricchiti modificando il file e successivamente caricati nell’ecommerce per la vendita online con le informazioni ritenute più consone per questo canale. I CMS come Prestashop e Magento (realizzati appositamente per vendere online e leader tra i CMS ecommerce) danno specifiche per permettere questo import/export con CSV che provengono da diverse tipologie di gestionale.

Integrazione tra software gestionale e piattaforma ecommerce.

Alcuni venditori che gestiscono magazzino e vendite utilizzando un software gestionale riescono a realizzare una ottimizzazione dell’import dei prodotti ecommerce in modo tale da avere un’interfaccia unica per la gestione delle informazioni e dei dati relativi alle vendite dell’intera attività, ossia quella online e quella offline. L’integrazione tra software gestionale e piattaforma ecommerce è resa possibile dalla condivisione del database prodotti tra i due software (CRM e CMS) con possibilità di escludere sull’ecommerce alcuni prodotti che non si desidera vendere online o viceversa per le vendite fisiche in loco.

La compatibilità tra i due strumenti non è sempre scontata, ed è quindi una soluzione non praticabile per alcuni a meno che lo studio di integrazione sia stato fatto a monte, sia per garantire l’importazione/esportazione dei prodotti che per l’aggiornamento delle disponibilità a magazzino.

 

L’import/export dei prodotti ecommerce.

È importante ottimizzare al massimo il lavoro dell’ecommerce manager e dei suoi collaboratori facendo in modo di eliminare la maggior parte delle azioni operative e ripetute che possono essere scalabili utilizzando software di automazione per ecommerce.

L’automazione per eccellenza è sicuramente svolta sull’attività della gestione del catalogo ecommerce. I prodotti sono il cuore di un ecommerce: per la manutenzione quotidiana o per automatizzare l’aggiornamento, esistono software per catalogo prodotti che permettono un’efficiente importazione automatica su ecommerce.

Inoltre, ancora più evoluti sono quei software che non solo permettono di effettuare l’import e ottimizzare il catalogo prodotti ma – in aggiunta – danno la possibilità di molte altre funzioni per creare cataloghi online:

  • Comparazione dei prezzi degli articoli comuni tra diversi fornitori secondo il prezzo, allo scopo di ottenere l’importo migliore per il maggior guadagno con strumenti di gestione e confronto dei prezzi basati su medie e margini;
  • Selezione veloce ed automatica degli articoli da pubblicare su Magento, Prestashop o altre piattaforme ecommerce (anche se la gestione del magazzino avviene in modalità dropshipping) effettuando ricerche con filtri avanzati e visualizzando i dettagli di ogni articolo per effettuare operazioni anche manuali se necessario, come la modifica dei prezzi o delle descrizioni, la realizzazione del mapping di prodotti, ecc.;
  • Associazione automatica con i prodotti dei cataloghi personali delle schede tecniche (IceCat ad esempio è un fornitore di questo tipo di informazioni aggiuntive per i prodotti per il settore Tech);
  • Gestione avanzata dei criteri di ricarico prezzo;
  • Gestione contemporanea di uno o più cataloghi personali per pubblicazioni anche su ecommerce diversi;
  • Personalizzazione del setup del formato di esportazione del file CSV verso il proprio gestionale;
  • Pianificazione e automatizzazione di tutte le operazioni di gestione listini di vendita: creazione (oppure importazione), comparazione, ricalcolo listini, esportazione, ecc.

ImporterONE è un software che è stato pensato per dare una risposta a tutte queste richieste e necessità dei gestori di ecommerce: il suo obiettivo è creare un catalogo online perfetto per lo store ed il più conveniente possibile per il venditore e i suoi clienti; il risultato del lavoro del software è il popolamento automatico dei prodotti.
L’esportazione che ImporterONE garantisce è semplicissima. È sufficiente indicare la connessione FTP al proprio sito ecommerce e selezionare i filtri di esportazione per iniziare subito il popolamento del database online, soprattutto sui CMS Magento e Prestashop.
Creare un catalogo prodotti è un’azione facile e automatizzata come dovrebbe sempre essere per migliorare i processi e di conseguenza le vendite.

 

Creare file CSV per Prestashop o importare prodotti su Magento.

Se il CMS (content management system) migliore da utilizzare per il proprio sito è già stato scelto, nonostante l’offerta molto ampia delle piattaforme disponibili sul mercato, quasi sicuramente si è ricaduti su una di questi due leader di mercato:

  • Prestashop, piattaforma ecommerce a licenza open source che garantisce una infrastruttura snella e permette di ridurre le spese del server, è di facile fruizione e gode di una community molto attiva per il supporto in caso di problemi;
  • Magento, content management system open source completo per la creazione di ecommerce e interamente customizzabile grazie ai numerosi temi e plugin disponibili che dà la possibilità di gestire store online molto grandi (o con volumi elevati) e anche molteplici ecommerce dalla stessa interfaccia, ma può forse essere ostico per utenti inesperti e richiede di effettuare scelte sistemistiche onerose.

CSV Prestashop: esempio di file.

Come generare un file per fare su Prestashop un import CSV con caricamento corretto di prodotti e relative immagini? Esistono anche molti moduli import CSV per Prestashop, ma non sono strettamente necessari.

La compilazione del file CSV è realizzabile con un foglio di calcolo, creando colonne dette “campi” che sono rinominabili come da indicazione di Prestashop (etichette di colonna). È importante capire i campi utilizzabili: più informazioni si riescono a importare, maggiori saranno i plus delle schede prodotto da offrire al visitatore dell’ecommerce. Anche le immagini dei prodotti sono importabili se vengono prima caricate in una cartella sul proprio hosting (questo avviene in tutti i sistemi).
L’importazione del file CSV in Prestashop è effettuabile da backend del CMS, ovviamente dalla voce Strumenti > Importa. Nonostante questa possibilità, automatizzare l’import su Prestashop (e non svolgerlo manualmente) porta gli ecommerce manager a ridurre notevolmente la percentuale di errori.

Importare prodotti in Magento tramite CSV.

La possibilità di fare un import è integrata anche negli ecommerce realizzati con Magento, per popolare il catalogo del negozio online con importazione dei prodotti.


È necessario raggiungere la sezione dedicata alla funzionalità di import: dal menu del CMS è possibile cliccare sulla voce “Sistema“ con una successiva scelta di “Importa/Esporta” e “Profili“. Il proprio profilo personalizzato può essere creato una sola volta e permettere di ripetere successivamente un “Magento CSV import” sempre uguale come meccanismo ma con un file che contiene dati diversi e aggiornati.

Per evitare errori, anche se il CMS lo permette, è sempre meglio rendere automatici e meccanici gli import su Magento (e anche di relativo export) di questo tipo. Danneggiare il database prodotti (con le azioni manuali è sempre un pericolo) può comportare gravi danni all’azienda fisica, ma anche all’ecommerce. Senza contare il fatto che con l’importazione manuale di numerosi prodotti, lo script potrebbe bloccarsi inaspettatamente per alcune limitazioni imposte.

 

Import listini e cataloghi sull’ecommerce.

È ormai chiaro che per avere un sito ecommerce con un buon catalogo prodotti è necessario innanzitutto pensare a una struttura di categorie dettagliata per poi creare articoli e associarli a queste, oltre a reperire immagini, descrizioni e schede articoli dettagliate controllando l’esattezza dei dati dopo l’import.

In aggiunta a questi dati, che coinvolgono direttamente i prodotti e le sue caratteristiche, i listini di vendita dell’ecommerce sono altrettanto importanti e i ricarichi (o margini di vendita) devono coprire tutti i costi generando un utile per l’azienda. Il listino è infatti uno strumento gestionale che associa alla lista dettagliata di prodotti i relativi prezzi con validità temporale o quantitativa. Si tratta di uno strumento operativo e strategico allo stesso tempo per il marketing, non solo in base a politiche aziendali generiche ma anche su uno specifico target di clienti.

È quindi facile capire quanto questi due elementi non possano essere gestiti manualmente ma, al contrario, ci debba essere una automazione tecnologica che permetta la gestione integrata dell’ecommerce.

 

In un ecommerce è fondamentale ottimizzare i prodotti ed importarli automaticamente. Un modo per farlo è utilizzare un catalogo CSV che permette di caricare tutte le caratteristiche degli articoli e i listini automaticamente nel CMS dello store online.

 

Se non hai più tempo da perdere, scopri ImporterONE!