Email marketing: 7 consigli per la tua strategia di vendita

Email marketing: 7 consigli per la tua strategia di vendita
23 Luglio 2020

Gli utenti vogliono leggere le email dei brand che amano. Ciò significa che, per sviluppare una buona strategia di email marketing, dobbiamo presentare le nostre proposte e lasciare agli utenti la scelta di ricevere le nostre comunicazioni. Quindi, non solo le mail “a freddo” non funzionano più, ma le nuove norme introdotte con il GDPR del 2016 le hanno rese in larga parte vietate. Considera l’email come un tassello molto importante nel tuo piano di marketing, ma non l’unico.

Come creare newsletter memorabili?

Vediamo ora 7 elementi che non puoi trascurare quando scrivi una email.

1. Conosci il tuo cliente ideale?

“Sparare nel mucchio” non serve a nessuno. Non ci credi? Vediamo un esempio.
Immagina di poter commercializzare una carne davvero eccezionale ad un prezzo molto competitivo. Il rischio di credere che il tuo prodotto possa andar bene per tutti è alto, vero? Non è così. Ci saranno vegetariani, vegani e molte altre persone che vedranno negativamente la tua offerta e potrebbero parlar male della tua azienda, lasciando persino recensioni negative. Attenzione quindi al destinatario dei tuoi messaggi: fai in modo che sia in linea con ciò che promuovi e che possa gradire i tuoi prodotti.

Non sai come selezionare il tuo cliente ideale?
Ti aiutiamo noi.

Contattaci

2. Scrivi un oggetto che catturi l’attenzione

L’oggetto della mail è il tuo biglietto da visita e qui, davvero, non puoi sbagliare.
Hai a disposizione pochi caratteri (non più di 60) che puoi utilizzare per incuriosire o per introdurre fin da subito la tua proposta. Email marketing: la scelta dell'oggetto
Attenzione, però, alle spam words. Cosa sono? Sono parole che non piacciono ai provider di posta e potrebbero far finire il tuo messaggio nella cartella spam.
“Promo, approfitta subito, irripetibile, scade oggi” e tutte quelle parole che allarmano più che informare andrebbero evitate.
Non scrivere tutto in maiuscolo ed usa un linguaggio che sia comprensibile a tutti. Emoticons nell’oggetto? Si, ma non esagerare.

3. Usa parole semplici e testi persuasivi

Le tue newsletter dovranno dare l’impressione all’utente che sia lui a scegliere cosa vuole e non tu. Quindi, non forzare la mano.
Puoi aggirare le resistenze usando parole semplici e un linguaggio facilmente comprensibile al tuo target. Non solo: con testi persuasivi potrai intercettare (e colmare) i bisogni latenti dei tuoi potenziali clienti. Così saranno loro a comprare e non tu a vendere. Che è meglio.

4. Usa una grafica semplice e funzionale

Le cose sono cambiate rispetto al passato, quando si cercava di “stupire con effetti speciali”. Gli smartphone hanno introdotto la lettura in mobilità e avere molti elementi grafici in uno schermo piccolo penalizza sia la leggibilità che la comprensione.
Abbina un design pulito a paragrafi corti e testi chiari e raggiungerai facilmente il tuo obiettivo. E ricorda: non perdere mai di vista la tua strategia di email marketing. Devi vendere, non stupire.

Email marketing: la scelta dell'oggetto

5. Metti in chiaro l’obiettivo della mail

C’è sempre un motivo dietro l’invio di una email. Vuoi vendere un prodotto, un servizio, o l’ingresso a un evento? O vuoi soltanto informare sulle novità che hai in cantiere? Qualunque sia il tuo intento, mettilo subito in chiaro così che l’utente sappia cosa fare.
Stai promuovendo il tuo prossimo webinar? La tua CTA (call to action o “invito all’azione”) sarà “Iscriviti ora!”. Vuoi vendere il tuo nuovo libro? Potresti dire “Leggi un estratto”. Ricapitoliamo:

  • un solo obiettivo, ben chiaro
  • colori in contrasto per differenziare la CTA da tutto il resto

6. Pensa mobile

Ormai è chiaro: la maggior parte dei tuoi utenti leggerà le tue email dallo smartphone. Quindi, se da un lato ciò ti consente di avere una maggiore diffusione, dall’altro ti obbliga a non trascurare alcuni aspetti tecnici (e non solo). Prevedi un template per l’email marketing con un design responsive, che si adatti perfettamente allo schermo del dispositivo.
Un altro aspetto da considerare è che l’attenzione potrebbe essere minore. Evita giri di parole o tecnicismi che potrebbero essere fraintesi, o addirittura non compresi.

Email marketing: design responsive

7. Considera l’utilizzo un software

Con l’aiuto di un software sarà molto più semplice creare un template per l’email marketing o avere grafiche di impatto. Inoltre potrai schedulare l’invio e monitorare l’andamento delle tue campagne. Ci sono molti software che possono aiutarti, noi per la nostra azienda utilizziamo GetResponse, davvero completo ed intuitivo.

Abbiamo visto quanti aspetti sia necessario considerare per una buona strategia di email marketing. Utilizza i nostri consigli per la tua strategia di email marketing e vedrai che i risultati non si faranno attendere.

Non sai come creare la tua strategia di email marketing? Ti aiutiamo noi.

Contattaci
Hai trovato utile questo articolo?