Scopri il nuovo programma di affiliazione ImporterONE e guadagna fino al 20% di commissioni! Diventa affiliato ora

Smart working e Coronavirus: com’è andata?

Smart working e Coronavirus: com'è andata?
16 Aprile 2020

Era il 9 Marzo quando abbiamo deciso di fronteggiare il Coronavirus con nuove modalità lavorative. Un anno fa avevamo proposto la “settimana corta” e venne accolta così bene che fu subito realtà.
Ma ora il cambiamento è forzato e radicale e per alcuni di noi, addirittura sconosciuto. Vediamo com’è andata tra postazioni di fortuna, bambini da gestire, cani, gatti e il richiamo del frigo.

Smart working e Coronavirus: cos’è cambiato?

Quando abbiamo preso la decisione di lavorare da remoto, abbiamo fatto i conti con due tipi di necessità: quello di evitare rischi per la salute e, nei limiti del possibile, di garantire continuità ai nostri clienti. A distanza di un mese possiamo dire di esserci riusciti, affrontando le difficoltà con buonsenso e la giusta leggerezza.
Le riunioni del mattino si sono spostate su Jitsi Meet, i gruppi Skype ci hanno permesso di fare il punto sui vari progetti, il CRM aziendale ci ha tenuto informati sullo stato di avanzamento lavori e i promemoria di Google Calendar ci hanno ricordato “i cosa e i quando”.

Tutto come prima, o quasi

Mancano le persone, e non è poco, ma gli strumenti ci sono tutti e la volontà anche.
E allora vediamo, 40 giorni dopo, come stanno le cose.

Ascolteremo le voci di Giada, la nostra Ecommerce manager e Analytics specialist,
Daniele, Responsabile marketing e rapporti con i clienti,
Francesco, Web developer
e Michele, Full stack developer.

Partiamo!

Azienda:
Ciao ragazzi, come va?
(silenzio)


Azienda:
Ok, partiamo con una domanda più specifica: come vi trovate con lo smart working?
Giada:
Bene. Mangio sullo stesso tavolo in cui lavoro, con un braccio apro il frigo, con l’altro muovo il mouse. A parte gli scherzi, per essere la mia prima esperienza di telelavoro mi sono abituata in fretta e la produttività non ne ha risentito. Inoltre posso recuperare il tempo che prima perdevo per la preparazione e gli spostamenti.

Daniele:
Ho avuto esperienze di lavoro remoto, ma ora il contesto è più complicato. Divido gli spazi con la mia compagna (anche lei in smart working) e un bambino di 5 anni per il quale ho allestito un mini-Disneyland che lo tiene occupato. Gli auricolari mi aiutano ad isolarmi e anche per me non perdere tempo negli spostamenti significa lavorare del tempo in più.

Francesco:
Nonostante fossi alla prima esperienza con lo smart working mi sono trovato subito bene. Con i colleghi ci sentiamo spesso e non ho problemi a rispettare le consegne. Nonostante la poca distanza tra la mia abitazione e l’azienda, quel tragitto mi consentiva di tenere separati vita e lavoro, cosa che adesso mi risulta più complicato.

Michele:
Il mio rapporto con lo smart working è ben rodato, avendo lavorato in questa modalità per lungo tempo. Ne conoscevo già pregi e difetti e anche per me il fatto di evitare spostamenti si è rivelato un buon incentivo per ottimizzare i tempi di lavoro.


Azienda:
Avevate già una postazione in cui poter lavorare in tranquillità?
Giada:
Diciamo di si: il tavolo su cui lavoro è lo stesso su cui mangio e ciò mi permette di non accusare cali di zucchero o i morsi della fame.

Daniele:
Diciamo che me la sono creata, rivedendo la disposizione dei vari elementi in casa secondo le mie necessità (con gravi rischi per i rapporti familiari)

Francesco:
Nella mia camera sono il Re, ed è lì che lavoro. In verità era già tutto pronto: monitor da 27”, scrivania bella grande, cuffie, una sedia comoda e silenzio. Tanto silenzio. Troppo silenzio.

Michele:
La mia postazione casalinga era già ben allestita e funzionante. Ho tutto ciò che mi serve compreso il silenzio, risorsa fondamentale ma che inizia un po’ a pesare.


Azienda:
Cosa vi manca (se vi manca) del lavoro in azienda?
Giada:
Il caffè del mattino tutti insieme era un appuntamento sacro, un momento di condivisione e leggerezza che è impossibile replicare. Lì iniziava la giornata e da quella stanza i problemi restavano fuori.

Daniele:
Il caffè del mattino, l’ufficio modello Copacabana e quel non sentirsi soli nel cercare l’ispirazione guardando fuori dalla finestra. Comunque il caffè del mattino batte tutto.

Francesco:
La possibilità di alleggerire tensioni e stress divagando o ridendoci su. Ma tutto questo solo perché non bevo caffè.

Michele:
Il caffè lo hanno già detto? Scherzi a parte sono le persone, la squadra, il collettivo che mi manca.


Azienda:
Quando sareste disposti a tornare in ufficio?
Giada:
Adesso? Facciamo adesso?

Daniele:
Ieri, oggi… domani?

Francesco:
Io abito qui vicino, vengo subito?

Michele:
Che ne dite se compilo l’autocertificazione e arrivo?

Lavoro agile? Si può fare!

Conclusioni
Christian – Ernesto:

La cosa più evidente dalla nostra esperienza è che ciò che più pesa è la mancanza di contatto umano. Siamo fortunati, possiamo comunque lavorare e senza tanti impedimenti, ma un team si costruisce con le persone, con il contatto, con la condivisione degli spazi, delle riflessioni.

Si diventa un pò come una famiglia e la famiglia va protetta e per noi è stato molto più importante essere veloci nella decisione di attivare lo smart-working, che la decisione in sè: non sapevamo se avrebbe funzionato, ma sapevamo che era la cosa giusta.

Per concludere, il lavoro agile funziona e funziona bene, ma non per la pausa caffè: per questo serve un tavolo, 6 tazzine, una moka e un pò di spensieratezza.


L’approccio agile al lavoro, introdotto con successo lo scorso anno, ci ha permesso di gestire questa difficile emergenza con un buon controllo e senza grandi scossoni. Utilizzavamo già diversi servizi di team building e supporto remoto nelle procedure aziendali e ne abbiamo apprezzato i vantaggi sia noi che i nostri clienti. Ne usciremo con un team ancor più “smart” e una certezza: i ragazzi non vedono l’ora di tornare. Ma che non manchi il caffè…

IMPRIMIS e le postazioni di smart working
Ernesto
Ernesto e lo smart working - IMPRIMIS
Christian
Christian e lo smart working - IMPRIMIS
Giada
Giada e lo smart working - IMPRIMIS
Daniele
Daniele e lo smart working - IMPRIMIS
Francesco
Francesco e lo smart working - IMPRIMIS
Michele
Michele e lo smart working - IMPRIMIS

HAI GIÀ UN ECOMMERCE?RICHIEDI LA NOSTRA ANALISI

Riceverai consigli per:

  • migliorare la tua presenza online
  • semplificare il processo di vendita
  • aumentare il numero dei clienti

Richiedila ora, è gratis!

analisi-sito

Hai trovato utile questo articolo?